Controllo ottico della qualità dei vini

1995 – 1997

Il progetto, finanziato dalla Regione Sardegna, faceva parte di una serie di progetti di ricerca applicata finalizzati allo sviluppo di tecniche e strumenti di analisi in campo medico, agro-alimentare e ambientale, basati sull’utilizzazione di metodologie di tipo ottico e sull’uso delle fibre ottiche in particolare.

Controllo ottico della qualità dei vini

Il progetto, coordinato dal Prof. O.D.D. Soares, è stato portato avanti in collaborazione col CETO (Centro de Ciências e Tecnologias Ópticas) dell’Università di Oporto (Portogallo), e aveva come scopo lo sviluppo di tecniche spettrocolorimetriche applicabili all’analisi e alla “progettazione” colorimetrica di vini.

I risultati principali del progetto sono stati l’individuazione di una nuova procedura standard per la misura del colore dei vini, e lo sviluppo di uno spettrocolorimetro portatile per l’effettuazione di misure di colore di vini ‘sul campo’.

Al termine del progetto è proseguita la collaborazione col CETO in particolare nel campo del controllo del colore di miscele di vini. Il lavoro, svolto in collaborazione tra CETO, AILUN e Instituto do Vinho do Porto (Portogallo) è stato presentato nel corso di importanti convegni internazionali di settore, e pubblicato nei relativi atti. Inoltre, è stato brevettato un metodo per il controllo e la formulazione del colore di miscele di vini.

Pubblicazioni

Soares O., Mignemi, Barros P., Collaborative studies in wine spectrocolourimetry, in 36th Session, Subcommittee Analytical Methods, O.I.V. (Office International de la Vigne et du Vin), Paris (1996).

Soares O., Barros P., Mignemi G., Spectrocolourimetric Formulation and Colour Prediction for Wine Blends, in Proceedings of XXIII World Congress on the Vine and Wine – 78th OIV General Assembly (1998).

Soares O., Mignemi G., Barros P., Métodos de controlo e formulação da cor de misturas de vinhos por predição espectrocolórimetrica., INPI (1998).